Come recuperare una cartella di lavoro sulla quale hai dimenticato di salvare le modifiche

Quante volte hai chiuso per errore una cartella di lavoro senza salvare le modifiche e hai immediatamente realizzato di aver commesso un errore. Questo può accadere dopo aver apportato modifiche a una cartella di lavoro esistente o dopo aver lavorato a una nuova cartella di lavoro e aver dimenticato di salvarla.

Con Excel 2007 e versioni precedenti, situazioni come queste ti lascerebbero completamente senza scampo. Tuttavia, se il computer si è arrestato in modo anomalo, è possibile che Excel recuperi l’ultima copia salvata automaticamente delle cartelle di lavoro al momento dell’arresto e consenta di recuperarle dal riquadro di salvataggio automatico. Tuttavia, la mia esperienza è che questo non è sempre affidabile.

Salvare spesso più versioni del tuo lavoro è probabilmente la migliore difesa. Anche se devo essere onesto con te, non pratico sempre ciò che predico, perché ho la pessima abitudine di salvare di rado il mio lavoro. Ma ciò non significa che non dovresti.

Recuperare le versioni non salvate e precedenti di una cartella di lavoro

A partire da Excel 2010, è stata introdotta una nuova funzionalità chiamata “Cronologia versioni” (beh, non proprio “introdotta” perché pochi utenti di Excel ne hanno sentito parlare). Con “Cronologia versioni”, hai la possibilità di recuperare file non salvati e di aprire versioni precedenti di un file su cui stai attualmente lavorando.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Solo gli utenti con Abbonamento Excel User oppure Ultimate possono visionarlo.

Se sei già abbonato Accedi per sbloccare il contenuto!

In caso contrario abbonati qui! L'abbonamento è conveniente.

(puoi renderti conto di quanti siano i contenuti riservati

raggiungendo questa pagina)

Tags: ,

Ti è stato utile?